Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

lunedì 4 dicembre 2017

Comunicazioni importanti: Piùlibri piùliberi 2017, nuovo sito Web e distribuzione nelle librerie

Dal 6 al 10 dicembre 2017 la nostra casa editrice sarà presente alla sedicesima edizione di “Piùlibri piùliberi”, la fiere della piccola e media editoria italiana che si svolge tradizionalmente a Roma. Quest’anno, per la prima volta, la manifestazione non si tiene al Palazzo dei Congressi dell’Eur ma presso la Nuvola, sempre all’Eur (da mercoledì 6 a domenica 10 dicembre, apertura dalle 10,00 alle 20,00) Per la precisione, si tratta dell’inaugurazione al pubblico della stessa Nuvola, con tutti i relativi disagi, di cui ci rendiamo conto da tempo sulla nostra pelle.
Per la nostra casa editrice si tratta dell’undicesima o della dodicesima partecipazione a “Piùlibri piùliberi”: onestamente abbiamo perso il conto, ma ci andiamo praticamente da quando siano nati, essendo la nostra data di fondazione l’8 novembre 2004.
Nei mesi scorsi abbiamo a più riprese palesato dubbi sulla nostra partecipazione alla manifestazione. Nel corso degli anni, a nostro giudizio, la manifestazione ha perso molto del suo appeal nei confronti del pubblico e i dati di vendita sono andati, anno dopo anno, inesorabilmente decrescendo, facendo diventare, nelle ultime cinque edizioni, la partecipazione alla fiera una remissione.
La novità rappresentata dalla Nuvola, l’insistenza di un amico fraterno editore e la disponibilità – inedita – dell’organizzazione ad ascoltare le nostre ragioni e ad adoperarsi per venire almeno parzialmente incontro alle nostre richieste ci ha spinto a partecipare di nuovo.
Poiché, però, non per tutti sono chiari i costi di partecipazione e i sacrifici che devono essere fatti per prendere parte a una simile manifestazione, sarà bene fare due conti nelle nostre tasche, per far comprendere come per una piccola casa editrice la partecipazione a eventi come “Piùlibri piùliberi” o altre fiere o festival del libro sia piuttosto onerosa e affatto scontata.
Al di là del fatto che i cinque giorni di fiera (secondo noi ingiustificati, perché la formula iniziale ne prevedeva quattro e a quei quattro bisognerebbe tornare) determinano un impegno personale di almeno sette giorni, che vanno conteggiati come lavoro perso, poi da recuperare; e al di là del fatto che la fiera del libro è, dal punto di vista fisico, un impegno molto duro; è l’aspetto economico a rappresentare sempre la principale preoccupazione, soprattutto in un Paese in cui l’editoria non ha alcuna protezione e in cui gli editori sono semplici mucche da mungere per quasi tutta la filiera, Stato incluso. Anzi, in testa.
Tra iscrizione alla manifestazione, spese di spedizione dei pacchi, assicurazioni, costi di trasferta, vitto e alloggio e altri costi accessori, la partecipazione a una fiera del libro come “Piùlibri piùliberi” rappresenta per noi un costo complessivo di circa 3.500 euro, ai quali vanno poi aggiunti i costi dei libri, perché stampare un libro costa e quando vendi una copia il costo unitario di quella copia va scalato dall’incasso. Alla fine, quindi, si arriva a dover coprire un costo di circa 4.000 euro, al quale vanno aggiunti i costi delle presentazioni, che quest’anno abbiamo coperto grazie al sostegno degli autori (copertura del costo della sala da parte loro in cambio di copie del loro libro), senza il quale sarebbe stato impossibile aggiungere questo costo ulteriore (a “Piùlibri piùliberi” quest’anno facciamo ben cinque presentazioni, con ospiti molto importanti, e la sala più piccola costa 120 euro più Iva al 22% per 50 minuti di incontro).
Evidentemente per chi “gioca in casa” (ma non è il nostro caso, come quello di molti altri editori) i costi sono più abbordabili, ma restano comunque spese ingenti da affrontare anche per il solo affitto dello spazio espositivo e per l’allestimento dello stand.
Per coprire costi quali quelli sopra riportati e considerare una fiera del libro non una remissione (eccessiva) bisogna riuscire a vendere almeno 300 copie, numero (insufficiente) che ormai in ben pochi possono raggiungere. Per guadagnare qualche euro, i libri dovrebbero essere almeno 400, obiettivo possibile solo per ben pochi editori. Si va comunque “sotto”, dunque, ma si cerca di dare un valore “economico” ai cosiddetti “contatti”, ovvero a quell’universo di rapporti umani e professionali che si instaurano con promotori, distributori, aspiranti autori, autori già sotto contratto, librai, grossisti, amici degli amici, lettori, colleghi, giornalisti, bibliotecari e altri ancora per fare in modo di “uscirci fuori” in qualche modo.
Poiché negli ultimi anni ci si è “usciti” sempre meno, e poiché non crediamo sia sbagliato sia darsi degli obiettivi sia spiegare al pubblico come funzionano questi eventi, quest’anno ci siamo dati un obiettivo perentorio. Non superarlo vorrà dire non tornare a “Piùlibri piùliberi” nel 2018 e negli anni a venire. Idem con tutte le altre manifestazioni librarie.
A questo proposito, va detto che il prossimo anno non parteciperemo a nessuna delle due fiere milanesi di marzo, per motivi più vari, non ultimo il cambio di distributore al quale ci stiamo preparando, che sta avendo e avrà un costo non indifferente, ivi incluso per la comunicazione ricevuta lo scorso 13 ottobre da parte del nostro attuale distributore, il quale ha “ben” pensato di ripianare le sue difficoltà economiche andando in concordato preventivo continuativo, il che vuol dire che il pagamento delle nostre fatture da marzo 2017 al 13 ottobre 2017 è stato congelato e che probabilmente perderemo molta parte di ciò che ci spetta e che riceveremo chissà quando quel che pure abbiamo onestamente guadagnato. Il rapporto tra Italia e cultura è anche questo. A ben pochi tra coloro a cui dovrebbe importare pare che importi, a cominciare dal ministero della Cultura, ma è bene che tutto questo si sappia, perché nascondere la polvere sotto il tappeto è quanto di peggio si possa fare. Naturalmente – si fa per dire… – sarà difficile trovare i nostri libri in libreria nel mese di dicembre (ma è una tendenza che purtroppo va avanti, nostro malgrado, da qualche mese). Abbiate pazienza, venite ad acquistare sul nostro sito e vedrete che da gennaio 2018 tutto cambierà in meglio. Anzi, molto meglio.
Un ultimo breve paragrafo lo dedichiamo, in chiusura, al nostro nuovo sito. Stiamo lavorando per implementarlo e per migliorarlo ulteriormente e non c’è giorno che non si faccia qualcosa di nuovo. Riceviamo gradimenti diffusi per il nuovo sistema di e-commerce, che facilita e sveltisce tantissimo le procedure rispetto al precedente. Se qualcuno dovesse avere qualche problema nella visualizzazione del menu di sinistra con la lista delle collane editoriali, non deve fare altro che modificare leggermente la visualizzazione sul suo computer. Farlo è molto semplice: spingete il pulsante control (Ctrl) e agite delicatamente con la rotellina del mouse. In questa maniera potrete ingrandire o rimpicciolire leggermente il sito visualizzando tutto nel modo migliore. Il sito è ottimizzato per girare su dispositivi mobili e, per quanto riguarda desktop e laptop, su Chrome, oggi il browser più usato, e su Mozilla. Aspettiamo in ogni caso suggerimenti, consigli e altro.
Grazie.
Ci vediamo – speriamo – a Roma, augurandoci che la scelta di libri e i valori che portiamo con noi siano di vostro gradimento.


giovedì 23 novembre 2017

Oggi e domani incontri sulla Bosnia a Montebelluna e a Venezia

Carissimi,
vi ricordo - come da locandine allegate - gli incontri di oggi e domani rispettivamente a Montebelluna e a Venezia. All'indomani della condanna all'ergastolo di Ratko Mladic, gli incontri assumono un significato ancora maggiore.
A più tardi o a domani, sempre numerosi.

mercoledì 22 novembre 2017

Ratko Mladić condannato all’ergastolo in primo grado

L’ex capo di stato maggiore dell’autoproclamata Repubblica serba di Bosnia, il già generale Ratko Mladić, è stato condannato dal Tribunale penale internazionale per i crimini di guerra nella ex Jugoslavia (Tpi) de L’Aja all’ergastolo, come richiesto dalla Procura generale. Mladić è stato condannato per il genocidio di Srebrenica, per crimini contro l’umanità e per la violazione delle leggi di guerra in materia di trattamento dei prigionieri, il tutto in riferimento a molteplici fatti di sangue avvenuti durante la guerra di Bosnia Erzegovina, tra il 1992 e il 1995.
Mladić e il suo avvocato questa mattina in aula prima della sentenza si sono lasciati andare a comportamenti ostruzionistici; per questa ragione l’ex generale è stato fatto allontanare in un’altra aula, dove ha potuto ascoltare la sentenza.
La condanna ai danni di Mladić, pur segnando una pagina storica del conflitto bosniaco-erzegovese, non è ancora definitiva e certamente la vicenda giudiziaria del cosiddetto “boia di Srebrenica” si arricchirà di altre pagine, fino alla sentenza di secondo grado.
Mladić è stato condannato in particolare per genocidio, persecuzione, sterminio, omicidio e atti inumani per lo spostamento forzato di civili nell’area di Srebrenica nel luglio del 1995; per persecuzione, sterminio, omicidio, deportazione e atti disumani perpetrati in diverse municipalità della Bosnia Erzegovina; per omicidio, terrore e attacchi illegali contro i civili durante l’assedio di Sarajevo; per la presa in ostaggio di personale delle Nazioni Unite. Allo stesso tempo, è stato assolto dall’accusa di aver perpetrato genocidio in altre aree della Bosnia Erzegovina, diverse da Srebrenica, nel 1992.
Le parole pronunciate contro Mladić durante la lettura della sentenza da parte del presidente della giuria, Alphons Orie, sono state pesanti come macigni, ma di certo non sposteranno di un millimetro le posizioni dei negazionisti e di coloro che ritengono da sempre un personaggio come l’ex generale, macchiatosi degli abomini sopra elencati, un “eroe”.
Mladić era stato rinviato a giudizio già nel luglio del 1995, in contumacia, ma il processo ai suoi danni è potuto cominciare solo il 16 maggio 2012, dopo una lunghissima latitanza dorata, favorita da organi sia dello Stato serbo che dell’entità della Repubblica serba di Bosnia. I giudici hanno tenuto 530 giorni di udienza, hanno sentito 592 testimoni e consultato oltre diecimila documenti ammessi in giudizio. Tra il 5 e il 15 dicembre 2016 sono stati esposti gli argomenti finali da parte di accusa e difesa e da allora si è attesa la sentenza di primo grado. Che considerare un atto dovuto è il minimo.

Incluso Mladić sono 161gli accusati di crimini di guerra processati dal Tribunale de L’Aja. Al momento, compreso quello contro Mladić, solo sei di questi procedimenti sono in corso, mentre gli altri 155 si sono conclusi.

mercoledì 15 novembre 2017

Giovedì e venerdì di incontri in Sicilia

Giovedì 16 e venerdi 17 due incontri in Sicilia organizzati da Amnesty International per VISEGRAD. L'ODIO, LA MORTE, L'OBLIO. A seguire, altri incontri fino all'inizio di dicembre tra Veneto, Emilia e Lazio.
NOVEMBRE
Giovedì 16 novembre, PALERMO, Real Fonderia Oretea, ore 17,00; dialogo con Giuseppe Provenza, Coordinamento Europa di Amnesty International, moderato da Maria Vittoria Cerami, responsabile del Gruppo 233 di Amnesty International; organizza il Gruppo 233 di Amnesty International.
Venerdì 17 novembre, MARSALA, Complesso monumentale San Pietro, ore 16,30; organizza Amnesty International.
Giovedì 23 novembre, MONTEBELLUNA, Biblioteca comunale, in definizione; organizza il Gruppo di Montebelluna di Amnesty International. “Alla vigilia del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, lo scrittore e giornalista Luca Leone e Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, ricordano le guerre dei Balcani negli anni Novanta e la pressoché totale assenza di giustizia, riparazione e assistenza psico-fisica per le decine di migliaia di ragazze e donne che furono vittime di stupri in quel conflitto al centro dell'Europa”.
Venerdì 24 novembre, CASTELFRANCO VENETO, scuola, ore 9,00.
Venerdì 24 novembre, VENEZIA, Metri cubi, San Polo 2003, ore 19,00.
DICEMBRE
Venerdì 1 dicembre, REGGIO EMILIA, Centro congressi Simonazzi c/o Cisl Reggio Emilia, via Turri 55, ore 18,00; organizzano Iscos Emilia Romagna e Cisl Emilia Romagna.

Martedì 5 dicembre, ROMA, Libreria L’orto dei libri, via dei Lincei 31, ore 19,00.
Come sempre, vi aspetto numerosi.

mercoledì 8 novembre 2017

La Bosnia, il fantasma di Churkin e il negazionismo serbo su Srebrenica

Lo scorso 5 novembre un’associazione di “patrioti” serbo-bosniaci, in collaborazione con l’ambasciata russa in Bosnia Erzegovina e il comune di Sarajevo Est, ha inaugurato una grossa targa nera in memoria dell’ex rappresentante diplomatico russo presso le Nazioni Unite Vitaly Churkin, l’uomo che nel 2015 s’è opposto all’approvazione da parte del Consiglio di sicurezza dell’Onu di una risoluzione che, vent’anni dopo, riconosceva il genocidio di Srebrenica. Risoluzione che il rappresentante dei “patrioti” serbo-bosniaci ha definito “vergognosa e perfida”, sorvolando sui 10.701 morti del genocidio e su tutto il resto.
Sarajevo Est è così riuscita laddove finora hanno fallito gli ultranazionalisti serbo-bosniaci di Srebrenica negli ultimi due anni. Tace l’Alto rappresentante della comunità internazionale in Bosnia, ma si tratta dell’ennesima pugnalata alle spalle della pace e della stabilità nel Paese balcanico, che tira in ballo inevitabilmente anche la pace e la stabilità in tutto il continente. Una volta di più – ma su questo ormai non possono più esserci dubbi – con il pieno sostegno di Mosca, in questo inquietante secondo tempo della guerra fredda.

lunedì 6 novembre 2017

Buon tredicesimo compleanno Infinito edizioni!

Infinito edizioni festeggia (con il nuovo sito Web) il tredicesimo compleanno con un’offerta imperdibile: solo fino a domenica 12 novembre le spese di spedizione, per un ordine fino a 2 kg, saranno di € 0.99 invece che € 3.99 e in più, per ogni acquisto, un prezioso libro del nostro catalogo in omaggio.

Non perdete l'opportunità di festeggiare con noi!!

martedì 31 ottobre 2017

Bosnia, emorragia umana senza sosta

Dalla Bosnia Erzegovina in mano alle oligarchie politiche e criminali sono andate via 151.000 persone negli ultimi quattro anni. Lo riferisce l’agenzia Fena citando una ricerca compiuta dall’Unione per il ritorno sostenibile e le integrazioni in collaborazione con un centinaio di organizzazioni non governative locali. Per una popolazione censita in occasione del discusso referendum del 2013 in circa 3,5 milioni di persone, si tratta di un’emorragia spaventosa, l’ennesima negli ultimi venticinque anni. Va ricordato che oltre un milione di cittadini bosniaco-erzegovesi vive già all’estero e costituisce la cosiddetta diaspora. La povertà, la criminalità, la mancanza di lavoro, la radicalizzazione dei nazionalismi, la totale mancanza di risposte della politica ai bisogni delle persone, i continui scandali, l’assoluta mancanza di prospettive sono le ragioni principali per le quali le persone lasciano il Paese, stante anche l’incapacità dell’Unione europea di assumere decisioni che contrastino con la polarizzazione politica all’interno di pochi gruppi oligarchici impuniti e sostenuti internazionalmente. Non sono solo i giovani ad andare via, ma spesso sono le madri di famiglia, che all’estero cercano di trovare un reddito per permettere alle loro famiglie di sopravvivere in patria. Intere zone del Paese sono oggetto ormai di un diffuso spopolamento, come nella Bosnia orientale e in quella settentrionale, ma non è ben chiaro se si tratti di un preciso disegno politico o di semplice cecità di chi governa. Quel che è chiaro è invece che appezzamenti sempre più ampi di terreno sono oggetto dell’interesse di gruppi arabi ed europei, che acquistano a prezzi irrisori, certo non casualmente.

martedì 24 ottobre 2017

Poche ore per il nuovo sito www.infinitoedizioni.it

Cari Amici,
dalle 18,00 circa del 23 ottobre 2017 potreste riscontrare problemi sia nel navigare sul nostro sito www.infinitoedizioni.it sia nel comunicare con noi via posta elettronica.
I problemi di cui sopra sono dovuti al fatto che, come preannunciato circa un mese fa, tra la fine del 24 ottobre e il 26 ottobre circa prenderà corpo la seconda delle tre grandi novità del 2017. Se la prima novità era il passaggio con la società Emme Promozione per quanto riguarda la promozione editoriale dei nostri libri, la seconda è legata al nuovo sito Web, che metteremo appunto online nei prossimi giorni. E di cui qui potete vedere una piccolissima anteprima in questa immagine. Poiché il caricamento del nuovo sito – dietro cui ci sono mesi di lavoro a fari spenti – coincide anche con il cambiamento di hosting, che coinvolge inevitabilmente anche le caselle di posta elettronica, ecco spiegato il perché delle 48 ore di “buio” internettiano che ci prepariamo a vivere.
Fino al 26 ottobre, in ogni caso, sarà disponibile per le emergenze la casella e-mail infinitoedizioni@gmail.com
Speriamo che il nuovo sito vi piaccia.
La navigazione è molto più agile, è pensato per girare sui dispositivi mobili, è molto più dinamico del vecchio e molto più divertente sia da navigare che da sviluppare. È possibile che nei primi giorni di vita del sito possano riscontrarsi dei problemi, ma con il vostro aiuto andrà in breve tutto a posto. Tra i problemi riscontrabili, c’è senz’altro il mancato caricamento di una settantina di e-book, al quale avremo modo di porre rimedio man mano nelle prime settimane di vita del nuovo sito. In ogni caso tutti gli e-book continuano a essere disponibili sulle decine di store online presso i quali sono normalmente in vendita e molto presto saranno disponibili anche le versioni e-book degli ultimissimi libri, rispetto alle quali siamo rimasti indietro.
Arrivederci a fine 2017 con l’ultima grande novità di quest’anno di grandi cambiamenti. E speriamo che il nuovo sito Web piaccia a voi tanto quanto piace a noi.
Grazie per la pazienza e per la collaborazione gentilissima che ci darete.


Infinito edizioni