Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

giovedì 26 gennaio 2012

Libertà di stampa, per “Reporter senza frontiere” l’Italia peggio della Bosnia

“Reporter senza frontiere” ha diffuso, come ogni anno, la sua classifica del Paesi in cui la stampa è più libera e meno libera.

La classifica si compone di 179 Paesi. Il migliore è la Finlandia, il peggiore l’Eritrea. In mezzo anche Italia e Bosnia.

Non è una sorpresa che l’Italia sia scivolata di undici posizioni, dal mediocre 50° posto del 2010 all’imbarazzante e ingiustificabile 61° posto del 2011.
Doloroso che il nostro Paese sia considerato più indietro, in materia di libertà di stampa non solo di Capo Verde (che è anche davanti al Canada) ma di Costa Rica, Giamaica, Mali, Namibia, Suriname, Isole Samoa e persino della Bosnia straziata dai nazionalismi idioti che hanno impedito in questo dopoguerra al Paese di tirarsi su. Prima dell’Italia c’è anche la Guyana, subito dopo la Repubblica Centrafricana...
Pessima anche la figura degli Stati Uniti di Barak Obama, in precedenza 20°, oggi 47°.

Ecco la classifica dei migliori e dei peggiori:

1. Finlandia
2. Norvegia
3. Estonia
4. Olanda
5. Austria
6. Islanda
7. Lussemburgo
8. Svizzera
9. Capo Verde
10. Canada

39. Spagna
47. Stati Uniti

59. Bosnia Erzegovina
60. Guyana
61. Italia

169. Birmania
170. Sudan
171. Yemen
172. Vietnam
173. Bahrein
174. Cina
175. Iran
176. Siria
177. Turkménistan
178. Corea del Nord
179. Eritrea