Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

lunedì 15 gennaio 2018

15 gennaio, Giornata Mondiale del migrante e del rifugiato


La Convenzione di Ginevra del 1951 definisce profugo o migrante forzato una persona che a causa di vari motivi legati a condizioni politiche, socio-culturali, ambientali è costretto a scappare dal luogo in cui vive abitualmente, senza però avere il diritto di presentare la richiesta di asilo.
Secondo la Convenzione il termine rifugiato si applica a chiunque nel giustificato timore d'essere perseguitato per ragioni di razza, religione, cittadinanza, appartenenza a un determinato gruppo sociale o per opinioni politiche, si trova fuori dello Stato di cui possiede la cittadinanza e non può o, per tale timore, non vuole domandare la protezione di detto Stato; oppure chiunque, essendo apolide e trovandosi fuori dei suo Stato di domicilio in seguito a tali avvenimenti, non può o, per il timore sopra indicato, non vuole ritornarvi.
Solo lo scorso anno sono arrivati in Italia più di 15.000 minori stranieri non accompagnati, ragazzini o anche spesso di età molto giovane, che compiono viaggi pericolosi senza alcuna protezione da parte dei loro genitori o di adulti di riferimento.

Per approfondimenti sul tema segnaliamo il libro di Lucia De Marchi A PICCOLI PASSI