Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

sabato 11 febbraio 2012

Bosnia, il Parlamento dà via libera al nuovo governo

Il parlamento bosniaco ha dato ieri luce verde al nuovo governo centrale, nominato lo scorso 12 gennaio e guidato dal croato-bosniaco Vjekoslav Bevanda. Il nuovo esecutivo ha avuto 26 voti a favore, 7 contrari e un astenuto. Al Paese mancava un governo centrale dalle elezioni politiche e presidenziali del 3 ottobre 2010.


Bevanda è un economista croato-bosniaco di 55 anni, uomo del partito nazionalista croato di Bosnia Hdz. Con lui lavoreranno (o almeno è auspicabile che lo facciano) nove ministri e dieci sottosegretari.


A dirigere i nove ministeri sono due croati-bosniaci, tre serbo-bosniaci, due musulmani bosniaci e due esponenti del Partito socialdemocratico (Sdp), la più importante formazione non nazionalista ma trasversale presente in Parlamento.

Il primo ministro uscente, Nikola Spiric, è il nuovo ministro delle Finanze oltre che vice presidente, carica cumulata anche dal nuovo ministro degli Esteri, il socialdemocratico Zlatko Lagumdzija.

Tre ministri del governo uscente del 2010 sono stati riconfermati: il serbo-bosniaco Sredoje Novic (Affari civili e comunicazioni), il croato-bosniaco Barisa Colak (Giustizia) e il musulmano bosniaco Sadik Ahmetovic (Sicurezza).

Gli altri nuovi ministri sono il serbo-bosniaco Mirko Sarovic (Commercio con l’estero), il croato-bosniaco Damir Ljubic (Diritti umani e profughi), il musulmano bosniaco Muhamed Ibrahimovic (Difesa) e il socialdemocratico Damir Hadzic (Trasporti).