Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

giovedì 11 febbraio 2016

Le cose che il Papa deve sapere alla vigilia della sua visita in Messico secondo Amnesty International

Alla vigilia della visita di stato di Papa Francesco in Messico, prevista tra il 12 e il 18 febbraio, Amnesty International ha dichiarato che il Paese sta affrontando una crisi dei diritti umani di dimensioni epidemiche, di cui sparizioni, torture e brutali omicidi costituiscono il tratto dominante.
"Non appena arriverà a Città del Messico, papa Francesco si troverà faccia a faccia con una delle più preoccupanti crisi dei diritti umani dell'intero continente americano", ha dichiarato a questo proposito Erika Guevara-Rosas, direttrice per le Americhe di Amnesty International, secondo cui "dalle decine di migliaia di persone scomparse al massiccio uso della tortura, dal crescente numero di omicidi di donne alla profonda incapacità di svolgere indagini, le violazioni dei diritti umani sono diventate un fatto abituale in Messico".

"Sollecitiamo papa Francesco a usare la sua grande influenza per convincere il presidente Peña Nieto a prendere sul serio questa terribile crisi dei diritti umani, assicurando alla giustizia tutti i responsabili di violazioni dei diritti umani. Solo assumendo un'azione concreta e decisiva per portare i responsabili di questi crimini di fronte alla giustizia, il governo messicano potrà cominciare a contrastare questa crisi che ha radici profonde", ha concluso Guevara-Rosas.
Ulteriori informazioni
Ecco le cinque cose che papa Francesco dovrebbe sapere sulla cosiddetta “guerra al crimine organizzato”, sugli scomparsi, sui pericoli per i giornalisti, sulla tortura e sulla giustizia, mentre si accinge a compiere la sua prima visita nel paese centro-americano:
http://www.amnesty.it/Le-cinque-cose-che-il-papa-dovrebbe-sapere-sul-Messico
Per approfondimenti:
Messico, l’omicidio di Anabel Flores Salazar evidenzia ulteriormente la necessità di proteggere i giornalisti  
http://www.amnesty.it/Messico-omicidio-di-Anabel-Flores-Salazar-evidenzia-ulteriormente-la-necessita-di-proteggere-i-giornalisti
Il rapporto "Treated with indolence": the State's response to disappearances in Mexico" è online qui http://www.amnesty.it/rapporto-di-amnesty-international-sulle-sparizioni-in-messico-un-fenomeno-diventato-endemico-grazie-a-grave-incompetenza-e-inerzia-delle-autorita