Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

martedì 31 ottobre 2017

Bosnia, emorragia umana senza sosta

Dalla Bosnia Erzegovina in mano alle oligarchie politiche e criminali sono andate via 151.000 persone negli ultimi quattro anni. Lo riferisce l’agenzia Fena citando una ricerca compiuta dall’Unione per il ritorno sostenibile e le integrazioni in collaborazione con un centinaio di organizzazioni non governative locali. Per una popolazione censita in occasione del discusso referendum del 2013 in circa 3,5 milioni di persone, si tratta di un’emorragia spaventosa, l’ennesima negli ultimi venticinque anni. Va ricordato che oltre un milione di cittadini bosniaco-erzegovesi vive già all’estero e costituisce la cosiddetta diaspora. La povertà, la criminalità, la mancanza di lavoro, la radicalizzazione dei nazionalismi, la totale mancanza di risposte della politica ai bisogni delle persone, i continui scandali, l’assoluta mancanza di prospettive sono le ragioni principali per le quali le persone lasciano il Paese, stante anche l’incapacità dell’Unione europea di assumere decisioni che contrastino con la polarizzazione politica all’interno di pochi gruppi oligarchici impuniti e sostenuti internazionalmente. Non sono solo i giovani ad andare via, ma spesso sono le madri di famiglia, che all’estero cercano di trovare un reddito per permettere alle loro famiglie di sopravvivere in patria. Intere zone del Paese sono oggetto ormai di un diffuso spopolamento, come nella Bosnia orientale e in quella settentrionale, ma non è ben chiaro se si tratti di un preciso disegno politico o di semplice cecità di chi governa. Quel che è chiaro è invece che appezzamenti sempre più ampi di terreno sono oggetto dell’interesse di gruppi arabi ed europei, che acquistano a prezzi irrisori, certo non casualmente.