Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

giovedì 24 dicembre 2015

Bosnia, Natale di arresti, terroristi, smog, esplosivi e propaganda

Undici arresti tra presunti fiancheggiatori dello Stato islamico (Is) hanno scosso la vigilia natalizia di una Sarajevo chiusa al traffico per smog a causa sia della circolazione automobilistica che della combustione di qualsiasi oggetto bruciabile nelle stufe di persone che ormai, a causa della crisi economica persistente, stanno regredendo quasi ai tempi della guerra del 1992-1995.
Gli arresti, realizzati tutti nella periferia sarajevese, riguardano, come indicato dalla Procura, “persone sospettate di terrorismo, di finanziamento e di preparazione di un attacco terroristico, oltre che di avere istigato aspiranti jihadisti a raggiungere fronti di guerra all’estero”. Almeno altri quattro ricercati sarebbero al momento sfuggiti alla polizia bosniaca, che continua a indagare.
Immancabilmente, la notizia non ha lasciato indifferente Milorad Dodik, il padre-padrone dell’Entità della Repubblica serba di Bosnia, che in una conferenza stampa svoltasi ieri a Banja Luka non ha perso occasione per gettare benzina sul fuoco (attività in cui da sempre eccelle), sostenendo che in Bosnia vi sarebbero almeno 3.500 persone pronte a eseguire attentati terroristici suicidi. Dodik non ha rivelato le fonti di quella che sembra l’ennesima sparata propagandistica.
Intanto, l’operazione “Lift” ha portato alla luce, sempre a opera della polizia bosniaca e della Procura di Sarajevo, che ha condotto le indagini, un commercio internazionale di armi da fuoco ed esplosivi, stavolta però non diretti a terroristi islamici presunti o tali ma, più “semplicemente”, a criminali europei attivi nel continente, in particolare, pare, in Germania. Le forze dell’ordine bosniache avrebbero sequestrato, tra l’altro, undici chili di esplosivo, 29 fucili, 34 pistole, 4.771 munizioni di vario calibro, 21 bombe a mano, circa cinque chili di polvere da sparo e 123 detonatori. Una piccola santabarbara. Della quale non c’è da stupirsi, visto che in Bosnia tutti sanno dell’esistenza di centinaia di depositi di armi clandestini dove tonnellate di armi sono state accatastate dopo la fine della guerra, e che da alcuni anni le forze di polizia europea ricercano con molto meno vigore di quando in Bosnia Erzegovina c’erano i militari della forza di pace internazionale. Per alcuni quelle armi “potrebbero tornare utili, un giorno”. Si spera che così non sarà mai e che quella robaccia marcisca presto nei depositi in cui è accatastata.