Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

venerdì 11 dicembre 2015

Germania, sì del tribunale di Dortmund all’estradizione di Paraga in Italia

Il tribunale competente della città tedesca di Dortmund ha dato luce verde ieri sera, 10 dicembre (forse non a caso Giornata mondiale per i diritti umani), all’estradizione in Italia di Hanefija Prijić, detto Paraga, durante la guerra del 1992-1995 comandante del terzo battaglione della 317ma brigata della Armija BiH, ovvero l’esercito regolare della Bosnia Erzegovina.
Paraga è accusato dell’omicidio di tre pacifisti italiani – Sergio Lana, Fabio Moreni e Guido Puletti – il 29 maggio 1993, all’inizio del secondo anno di guerra in Bosnia Erzegovina.
Nel 2001 Paraga fu condannato da una corte bosniaca a 15 anni di reclusione per la strage dei volontari italiani, perpetrata nelle vicinanze di Gornji Vakuf. Tra i testimoni, faccia a faccia col carnefice, c’erano Agostino Zanotti e Christian Penocchio, scampati all’eccidio, che riconobbero davanti ai giudici il carnefice dei loro compagni. La pena fu poi ridotta a 13 anni in appello, ma dopo alcuni anni di reclusione il condannato era stato ammesso ai benefici della semilibertà.
L’avvocato difensore di Paraga ha provato a far valere proprio questa condanna per evitare l’estradizione del suo assistito, sostenendo che l’accusato non possa essere processato due volte per lo stesso crimine per il quale già ha scontato una sentenza.
Probabile ora un ricorso da parte della difesa di Paraga che, se estradato in Italia, sarà quasi di sicuro giudicato da un tribunale di Brescia, città d’origine delle tre vittime.