Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

mercoledì 2 novembre 2016

Il giorno dei defunti e il diritto a una morte dignitosa

Oggi, 2 novembre, giornata dedicata ai defunti, viene promossa dalla World federation of the societies for the right to die with dignity la prima giornata dedicata al tema di una morte dignitosa. Nel nostro Paese hanno aderito le associazioni Luca Coscioni ed Exit che, da tempo, offre assistenza ai malati terminali.Exit, la realtà fondata da Emilio Coveri è stata presente, stamattina, davanti ai cimiteri di Roma, Milano, Torino, Ravenna e Reggio Emilia per diffondere la cultura della dolce morte anche nella cattolica e sorda Italia. Ogni settimana il telefono di Exit suona all’incirca 100 volte, ma la richiesta è sempre la stessa: avere la possibilità di morire con dignità. Al momento, l’unica strada percorribile è quella relativa alla sottoscrizione del testamento biologico, mentre le proposte normative in materia sono in corso di approvazione parlamentare  e, soprattutto, non prevedono la possibilità di ricorso diretto all’eutanasia in quanto si limitano ad intervenire contro l’accanimento terapeutico.
In Europa l’eutanasia è legale in Svizzera dal lontano 1942. Dal 2002 lo è diventata anche in Olanda e Belgio, seguiti dalla Francia e Svezia che, seppur in modalità diverse, hanno risposto alla richiesta di buona morte.Su questo tema, importante e delicato, segnaliamo le parole scritte dalla nostra autrice Pat Patfoort in Mamma viene a morire da noi domenica, una profonda e intensa riflessione sull’eutanasia: “Continuo a riflettere sul tema del limite delle cure: fin dove è lecito spingersi? Bisogna mettersi al servizio del malato come schiavi? Ma an­che a far questo ci sarebbero due ragioni per le quali la soluzione non sarebbe quella giusta per la mamma. La prima è il dolore continuo: la mattina inizia anelando la sera, con nel mezzo una giornata di sofferen­ze. Dopo la caduta, il dolore non è più veramente sparito. E poi c’è la sofferenza psicologica, data dalla mancanza di autonomia. La seconda ragione è l’isolamento totale in cui potrebbe cadere se, dopo i suoi occhi, anche le sue orecchie alzassero bandiera bianca...”.