Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

venerdì 5 maggio 2017

“Višegrad. L’odio, la morte l’oblio”, la lettura di Massimo Chiavarino

Continua la pubblicazione delle recensioni che così gentilmente continuate a inviarmi a proposito del mio ultimo lavoro, “Višegrad. L’odio, la morte l’oblio”. Spero che ne arrivino sempre di più. Oggi pubblico la recensione di Massimo Chiavarino, amico incontrato anni fa grazie a un libro e che mai ha smesso, da allora, di leggermi.

“Ho avuto la fortuna di conoscere Luca cinque anni fa. Un incontro che conservo gelosamente fra i ricordi più cari. Giornalista, scrittore editorialista, soprattutto uomo curioso e sensibile che ha raccontato (e tutt'ora racconta) i Balcani in maniera trasparente e onesta essendo lui stesso persona umile e schietta. Il suo ultimo libro: “Višegrad. L’odio, la morte l’oblio” è un viaggio di terrore e amarezze. Ma nella filigrana delle sue interviste e dei viaggi sulle stragi e tragedie di questa città, si intravede e si tocca anche la speranza, l’amore incondizionato per un futuro di pace e un riscatto di tanti sguardi e occhi che Luca ha descritto sulle pagine mai banali o fini a se stesse. Storie di madri, figli, vittime di intolleranze e ideologie che non dovrebbero più ripetersi ma che purtroppo continuano ancora oggi a essere “pietra d’inciampo” e di scandalo per tutti noi che ci culliamo nei nostri pregiudizi. È come essere accanto all’autore quando descrive le atmosfere di Višegrad o l'incontro con Lady Wiesenthal. La notte quasi insonne dentro il Vilina Vlas: incubo claustrofobico di orribili ricordi... L’incontro con il "Gigante triste" e il mito vivente di Jovan Divjak (che pure il sottoscritto ha avuto l'onore di conoscere). Tutto questo, con altre emozioni, ho trovato nel libro, che come tutti i suoi precedenti lavori lascia davvero la consapevolezza di aver viaggiato gomito a gomito con Luca”.