Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

venerdì 27 maggio 2016

Buon compleanno Khadija Ismayilova, giornalista azera (e anche un po' nostra) scarcerata il 25 maggio

Andrea Camilleri, Erri De Luca, Dacia Maraini, Giulia Quintavalle, Luca Leone e Riccardo Noury hanno aderito alla richiesta di Amnesty International Italia di donare un loro libro alla giornalista investigativa e scrittrice dell’Azerbaigian Khadija Ismayilova, che oggi compie 40 anni.
I libri avrebbero dovuto essere spediti in carcere ma il 25 maggio, dopo 537 giorni di prigionia e una serie di appelli di Amnesty International e altre organizzazioni per i diritti umani e la libertà di stampa, Khadija Ismayilova è stata rimessa in libertà.
Per questo, i regali di compleanno verranno inviati alla sua abitazione nella capitale Baku.
Khadija Ismayilova è autrice di numerosi articoli e saggi sulle violazioni dei diritti umani e la corruzione in Azerbaigian.
Le autorità avevano dapprima dato vita a una prolungata campagna diffamatoria sui media e successivamente l’avevano incriminata per reati inventati, tra cui evasione fiscale e appropriazione indebita, condannandola a sette anni e mezzo di carcere.
Il 25 maggio un tribunale ha commutato il resto della pena a un periodo di tre anni di libertà condizionata. Amnesty International continua a chiedere che Khadija Ismayilova sia prosciolta da ogni accusa.
Nonostante il recente rilascio di una quindicina di prigionieri di coscienza al centro di una campagna di Amnesty International, in Azerbaigian la libertà di espressione rimane assai limitata.
I regali di compleanno per Khadija Ismayilova sono: “Questo mondo un po’ sgualcito” di Andrea Camilleri (con Francesco De Filippo), “La parola contraria” di Erri De Luca (in edizione francese), “La lunga vita di Marianna Ucria” (in edizione inglese) di Dacia Maraini, “La Signora del judo” di Giulia Quintavalle (con Chiara Di Cesare) e “Srebrenica. La giustizia negata” di Luca Leone e Riccardo Noury.