Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

venerdì 13 maggio 2016

Grande Guerra, 15 maggio 1916, l’Austria lancia la Strafexpedition

13 maggio di cent’anni fa, siamo nel pieno della Grande Guerra: gli austriaci concentrano truppe in Trentino, in preparazione della grande battaglia degli Altipiani, la Strafexpedition, che fu combattuta tra il 15 maggio e il 27 giugno tra l’esercito italiano e quello austro-ungarico. La furiosa battaglia lasciò sul campo 230.545 uomini. Partecipa alla Strafexpedition, tra gli altri, Giuseppe Sinigaglia, il comasco campione di canottaggio che conquistò i trofei internazionali più prestigiosi alla vigilia della prima guerra mondiale. Ora l’Italia, la Patria, non chiede solo vittorie sportive, bensì vite da spendere per trionfare nel gioco più grande, in quella Grande Partita che è la guerra. La vicenda di Sinigaglia così come quella di tanti altri campioni sono raccontate da Dario Ricci e Daniele Nardi in La migliore gioventù. Vita, trincee e morte degli sportivi italiani nella Grande Guerra.
Sabato 14 maggio, in occasione dell’89° adunata nazionale degli Alpini che si terrà ad Asti, il giornalista Dario Ricci riceverà il Premio Giornalista dell’anno 2015 conferitogli dall’Associazione Nazionale Alpini. La cerimonia di premiazione si terrà presso il teatro Alfieri alle 18,30.
Gli Autori
Daniele Nardi (1976) è originario di Sezze Romano (LT). Nella prima parte della sua carriera alpinistica si dedica a montagne di 8000 metri salendo l'Everest, la cima middle dello Shisha Pangma in 19 ore dal campo base, il Nanga Parbat e il Broad Peak nella stessa estate. La vetta de K2 nel 2007 in due soli giorni e mezzo e la perdita di una amico sulla stessa montagna gli cambiano la vita. Rai2 trasmette il documentario “K2, il sogno, l’incubo”. Nel 2011 apre una nuova via di 1.200 metri sulla parete del Bhagirathi III in stile alpino, in India. Dedicata a Walter Bonatti e dopo 66 ore consecutive di scalata non raggiunge la vetta, ma la salita che vince il premio Paolo Consiglio per lo stile pulito con la quale è stata affrontata. Come ultimi riconoscimenti riceve il prestigioso accreditamento al “Piolet D’or”, gli Oscar internazionali della montagna a cui si aggiunge, nel 2013, Il Premio Coni Lazio 2013 per “aver portato il Lazio in vetta al mondo”. Un riconoscimento, questo, ricevuto dagli atleti che hanno dimostrato un alto merito sportivo. Con la nostra casa editrice ha pubblicato, con Dario Ricci, In vetta al mondo e La migliore gioventù.

Dario Ricci (Roma, 1973) è una delle voci dello sport più note di Radio24-IlSole24Ore. Come inviato di Radio24 ha seguito gli europei di calcio 2004, le Olimpiadi invernali di Torino 2006, quelle di Pechino 2008, i Mondiali di nuoto di Roma 2009, i Mondiali di calcio del 2010 e del 2014, le Olimpiadi di Londra 2012. Ideatore e autore di diversi programmi su Radio24, conduce Olympia-miti e verità dello sport, grazie alla quale ha vinto lo Sport Media Pearl Award 2015. Grazie al libro La migliore gioventù ha conseguito il premio giornalista dell’anno 2015 assegnato dall’associazione Nazionale Alpini. Con la nostra casa editrice ha pubblicato I ragazzi di Brema e, con Daniele Nardi, In vetta al mondo e La migliore gioventù.