Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

venerdì 18 settembre 2015

Sarajevo, dopo tre anni riapre il Museo Nazionale della Bosnia Erzegovina

Una buona notizia dalla Bosnia Erzegovina: finalmente, dopo tre anni di chiusura causata dal taglio dei fondi da parte del parlamento, il 15 settembre 2015 ha riaperto le sue sale al pubblico il Museo Nazionale della Bosnia Erzegovina, che custodisce circa quattro milioni di reperti storici. In questi anni il Museo era rimasto chiuso al pubblico, ma i dipendenti avevano continuato a prestare gratuitamente la loro opera per fare in modo che i reperti non andassero perduti.
La riapertura è stata possibile grazie a una campagna portata avanti dall’associazione Akcjia, che ha saputo sensibilizzare e coinvolgere alcuni donatori pubblici e privati sia nazionali sia internazionali. Al momento i fondi sono garantiti per soli dodici mesi. Il tempo necessario, si spera, per far rinsavire i parlamentari bosniaci, e in particolare gli ultranazionalisti serbo-bosniaci, tra i principali responsabili del taglio dei finanziamenti alle attività museali nazionali in Bosnia Erzegovina.