Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

giovedì 6 ottobre 2016

Ambiente, il Parlamento europeo ratifica l’Accordo di Parigi

Una notizia positiva: in meno di 12 mesi è entrato in vigore l’accordo globale sul clima firmato a Parigi lo scorso 12 dicembre. Con il voto favorevole del Parlamento europeo l’accordo ha raggiunto infatti la soglia di ratifiche che consente la sua entrata in vigore.
Oggi "abbiamo varcato la prima soglia per l'entrata in vigore, – ha commentato il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, nel suo intervento alle Nazioni Unite – dobbiamo essere uniti e coesi di fronte a questa sfida, abbiamo l'opportunità di un futuro più giusto ed equo per una terra più sana e sicura".
L’Accordo di Parigi prevede la riduzione della produzione di ossido di carbonio dei Paesi aderenti "il più presto possibile" e l’impegno degli stessi Paesi di fare del loro meglio per mantenere il riscaldamento globale "ben al di sotto di 2 °C" in più rispetto ai livelli pre-industriali.
Per ratificare il protocollo di Kyoto del 1997 – che impegnava solo i Paesi industrializzati a tagliare le emissioni di CO2 – ci sono voluti più di sette anni; questa volta ne è bastato meno di uno. Perché l'accordo entrasse in vigore erano necessarie le ratifiche di almeno 55 Paesi responsabili di almeno il 55% delle emissioni globali. Fino a ieri lo avevano fatto 62 Paesi responsabili del 51,89% delle emissioni globali. Con il sì dell'Unione europea, il cui peso rappresenta il 12% dei gas serra, la soglia è stata superata.
Con l'entrata in vigore dell'accordo di Parigi si apre ora un nuovo capitolo, tutto in divenire. L'intesa raggiunta sta già portando a modifiche radicali del sistema produttivo e dell'organizzazione delle città. Ma tra gli obiettivi di Parigi e le misure finora decise dagli Stati c'è una distanza enorme, gli impegni non sono sufficienti. Per mettere in sicurezza l'atmosfera occorrerà raddoppiare gli sforzi, credendoci davvero tutti.

Segnaliamo su questo tema la lettura del libro di Andrea Merusi dal titolo “La sfida di oggi. Il cambiamento climatico e il rapporto tra uomo e natura